Chercheur Notant des Données dans son Cahier
défenses naturelles

La storia
d Zendium

La storia DI ZENDIUM

ZENDIUM: IN PRIMA LINEA
NELL’IGIENE ORALE

Zendium è una marca nuova in Italia; in Scandinavia, tuttavia, ha una storia lunga. Lanciato nel 1979, rappresentò un approccio all'igiene orale totalmente nuovo ed è tutt'oggi in prima linea nell'ambito della bioscienza, con studi e scoperte sugli effetti positivi sulla bocca.

line5-1
bioscience scandinave

UNA SCOPERTA
INNOVATIVA

Zendium è frutto della brillante intuizione del microbiologo Henk Hoogendorn, che studiò in maniera approfondita l’importante ruolo della saliva nella protezione naturale dalle infezioni e dalle malattie. Egli dimostrò come reazioni enzimatiche portano alla formazione di componenti antibatterici naturali che difendono dai disturbi causati dai batteri presenti nella placca.2

line5-2
Tubes à Essai avec Enzymes et Protéines

TROVARE L'EQUILIBRO OTTIMALE

Il dr. Hoogendoom ipotizzò che un dentifricio con la giusta combinazione di enzimi e proteine fosse in grado di potenziare la naturale protezione antibatterica della bocca.3,4La sua formula venne perfezionata e testata fino a trovare l'equilibrio ottimale: un innovativo dentifricio chiamato Zendium. Oggi, i progressi scientifici, tra cui l’NGS (next-generation sequencing), ci hanno consentito di saperne di più sull’effetto positivo di Zendium sulle specie batteriche della bocca.5

line5-3
Carte de la Scandinavie

ZENDIUM - N.1 marca di fiducia
dei dentisti in Scandinavia*

Zendium ha una lunga storia in Scandinavia, dove ha accumulato 35 anni di ricerche pubblicate diventando una delle marche di cui i dentisti scandinavi hanno maggior fiducia.6*

Sappiamo che un microbioma equilibrato è fondamentale per la salute.7 Il nostro obiettivo: migliorare la nostra comprensione del microbioma orale per offrire prodotti che proteggano la bocca in modo naturale.

*Ricerca di mercato condotta da Ipsos nel periodo ottobre-novembre 2015 su campione di 608 dentisti.

RIFERIMENTI

  1. Van ‘t Hof W, et al. Monogr Oral Sci 2014; 24:40–51;
  2. Hoogendoorn H, et al. Caries Res 1977;11:77–84;
  3. Rotgans J, et al. Caries Res 1977:11:123–124;
  4. Rotgans J & Hoogendoorn H. Caries Res 1979;13:144–149;
  5. Unilever données internes.
  6. Adams SE, et al. Sci Rep 2017; 7:43344.
  7. Unilever, dati in archivio.
  8. Kilian M, et al. Br Dent J. 2016; 221(10):657–666.
Back to top